Biografia

 

BIOGRAFIA

Camilla Migliori, regista di prosa, drammaturga, scrittrice, inizia la sua attività alla fine degli anni 70; vincitrice di premi teatrali, poi messi in scena, ha spesso affrontato il dramma storico e anche temi di attualità, più recentemente ha pubblicato un lavoro sulla vita e l’opera di Dostoevskij
Agli inizi della sua attività fonda una sua Compagnia che per oltre 10 anni riceve il contributo del Ministero dei Beni Culturali e realizza numerosi spettacoli, eventi teatrali e rassegne, ricevendo premi e riconoscimenti tra cui Premio Spoleto Festival Art, Premio Gerundo, Premio Polifemo, Premio Fersen, Segnalazione Premio Flaiano. Come regista, tra i numerosi allestimenti ricordiamo: “Dialogo nella Palude” di Marguerite Yourcenar; “Arden of Feversham” di anonimo elisabettiano ; “Seascape” di Edward Albee.

INDICE -1) Biografia -2) Testi pubblicati – 3) Testi rappresentati – 4) Premi

  1. BIOGRAFIA – Il suo percorso di regista e autrice teatrale si sviluppa in diverse fasi e inizialmente dirige suoi progetti teatrali basati sulla scrittura scenica e sulla gestualità dell’attore tra cui:  
     
                                                          Benvenuto Signor Walk!” 

rappresentazione di una società in cui le élites  al potere mirano al condizionamento delle mentalità collettive e individuali, mentre gli uomini ridotti a  schiavi nel loro beato conformismo, non hanno la  forza di opporsi al lavaggio dei cervelli.

                        “Vi piace essere schiavi?Non desiderate essere liberi e uomini?
                        Non comprendete neppure che cosa sia lo stato d’uomo e la libertà?”
                        (Aldous Huxley)

 “Medea” 

attualizzazione del personaggio euripideo in una moderna scultrice che, mentre lavora di scalpello ad un blocco di marmo per scolpire la statua di Medea, rivive in maniera visionaria le  tragiche vicende della mitica eroina, compiendo altresì un processo di autoconsapevolezza.

                        Essere donna è estremamente difficile soprattutto perché 
                       deve avere a che fare con gli uomini
                       (J. Conrad)

– successivamente si dedica alla stesura di testi teatrali, drammatizza opere di narrativa come “Candido” (da Voltaire); “Vita dell’arcitruffatrice e vagabonda Coraggio” (da Grimmelshausen); “Soggiorno termale di uno scrittore ischiatico” (da Hermann Hesse);  “Robinson, l’Angelo e Venerdì’” (da Defoe);

– affronta anche una approfondita ricerca su Dostoevskij, scrive testi  teatrali tratti dalle opere e ispirati alla vita del romanziere russo tra cui “Le notti bianche”; “Campo di battaglia: il cuore umano”; “Conversazione: da Dostoevskij a Tarkovskij”;  “Maria, Polina, Anja” e partecipa al Congresso Internazionale su Dostoevskij, Università di Siena 
.
                   “… sì, perché in ognuno di noi c’è una natura larga capace 
                    di riunire in sé tutti i possibili contrasti e di contemplare 
                    ad un tempo i due abissi: l’abisso che è sopra di noi,
                   quello dei supremi ideali, e l’abisso che è ai nostri piedi,
                   quello della più profonda e sordida degradazione “ 
                   (F. Dostoevskij)

– da sempre interessata alla condizione femminile pubblica e mette in scena suoi testi originali dedicati a figure di donne eccellenti tra cui

Beatrice di Tenda”

(moglie dell’ultimo Visconti, donna di forte tempra, abile nell’arte di  governare ma vittima del calcolo politico, vissuta nel XV° secolo, ingiustamente condannata dal marito, musicata poi da Vincenzo Bellini – Premio G. Vignoli e Segnalazione Premio Flaiano 2000); “L’ultima lezione di Anna Adelmi” (le lotte, le sofferenze, le conquiste di una donna all’interno del movimento socialista durante la Prima Guerra mondiale); “Un delitto in via Sistina – Contessa Lara” (la spregiudicata poetessa di fine ottocento colta negli attimi che precedono la sua tragica fine) e “Antonietta Raphael: artista nomade” (la visione artistico-esistenziale della pittrice e scultrice esponente della “Scuola romana”);
– più recentemente
  scrive, pubblica e mette in scena drammi quali: “Un ritratto firmato David” (ricordi, incubi e rimorsi del pittore David durante la breve detenzione in carcere dopo la caduta di Robespierre) e ottiene il Premio Fersen V edizione per il testo:“Teatro abbandonato con delitto” (coautrice S.Porrino) (la riflessione di Faust, Don Giovanni e Giulietta sul tema della memoria storica, lo scorrere del tempo e del divenire); 

– affronta poi, in maniera ironica, temi di attualità come nelle Commedie : “L’era del granchio” (le paradossali vacanze di una coppia nell’era della guerra senza fine); “Per motivi tecnici” (le avventure tragicomiche di piccoli e improvvisati gruppi teatrali alla fine degli anni ’70); “Il femminista” (l’ esilarante espediente di un marito che tenta di  fronteggiare la rivoluzione femminista della moglie); 

                                     “Due cose sono infinite: l’Universo e la Stupidità umana:
                                      ma riguardo all’Universo ho ancora dei dubbi” 
                                     (A. Einstein)

– è autrice anche dei seguenti libretti musicali prodotti e realizzati  dal Conservatorio di Musica di Frosinone: Quanto è vero che mi chiamo Desdemona” (musiche originali di Furio Valitutti); “Un’avventura chiamata Europa” (coautrice S. Porrino – musiche originali  di Enrica Sciandrone);“Effetto Mozart” musiche originali di Danilo Santilli;

  “La musica, la più visionaria di tutte le arti, la più capace  di catturare  per  un momento l’unità che soggiace alla diversità umana” 
                                      (V. Woolf)

2) TESTI PUBBLICATI : Ha pubblicato i suoi testi teatrali:   J.L. David, autoritratto di una Rivoluzione (Progetto Cultura 2017)- Dostoevskij: il destino di uno scrittore, la libertà di una coscienza (Aracne edit. 2016)- Crimini, Finzioni, Misfatti (Ghaleb edit. 2016) La carriera di Edipo (Petite Plaisance 2015)- Narrativa in scena (Nemapress 2014) L’era del granchio (Lepisma 2014)- Il Femminista (Edit. Bevivino 2012)- Le donne e il loro dàimon ( Libreria Croce 2010)- Teatro abbandonato con delitto (Editoria & Spettacolo – Premio Fersen 2009)- Per motivi tecnici (Ridotto/Siad n. 4-5 /2009) Beatrice di Tenda (Editoria & Spettacolo 2005)- Io sono un “virtuoso” (A.Pellicani Edit. 2000)- Un cuore che non trema (Borgia Edit. 2000)- Antonietta Raphael: artista nomade (Laterza 2000)Il miracolo di S. Rosalia e Cumparuzzu (A. Pellicani 2000 )- Un cuore logico (Il Ramo d’Oro, E.T.I. 1999)- Un delitto in via Sistina-Contessa Lara  (Edit. Costa & Nolan 1996)  
Ha scritto e pubblicato
 “Effetto Mozart” racconti brevi (Edizioni Edilet 2008) e Noie, paranoie e piccole manie (Editori del Grifo 1986; altri racconti sono inseriti in “I Narratori del Drago” (Edit. Bevivino 2011); Le Reti di Dedalus on line 2010; Narratori contemporanei  (Bastogi Edit. Italiana 2005); Rivista Letteraria Le Rune 1989;

3) TESTI RAPPRESENTATI –Tra i suoi testi rappresentati e presentati in Festival e Rassegne : La carriera di Edipo (Teatro Tordinona, Roma 2018) ; Il Miracolo di Santa Rosalia (Teatri di Pietra. Villa di Livia 2017) ; L’Era del granchio (Teatro Tordinona 2017); Un cuore che non trema (Caffeina festival, Viterbo 2014); Teatro abbandonato con delitto (Sala Grechetto, Milano 2011); Quanto è vero che mi chiamo Desdemona (Teatro Ghione, Roma 2010 ; Un terno in un occhio (Premio Les enfents terribles – Castrovillari 2009) ; Effetto Mozart (giardini Castel S. Angelo, Roma 2008): Beatrice di Tenda (Teatro Cometa-off 2007) ; Il miracolo di Santa Rosalia (Teatro&Musica, Roma 2006); L’era del granchio (Rassegna Anima Mundi, Milano 2006); Il femminista (Rassegna “Dopo Pirandello”, Milano 2005) ; Io sono un “virtuoso” (Convegno La spiritualità delle donne-Teatro dei Satiri, Roma 2001); Cumparuzzu (Progetto “Il cielo sopra Sicilia”, Teatro di Erice 1999 e Teatro Salerno 2008); Un delitto in via Sistina-Contessa Lara (Palazzo delle Esposizioni, Roma 1996 e Teatro Stanze Segrete Roma 2008); Noie, paranoie, piccole manie (Rassegna Teatro Universitario, Firenze 1991); Vita dell’ arcitruffatrice e vagabonda Coraggio da Grimmelshausen (Teatro Comunale di Montepulciano 1991); Campo di battaglia: il cuore umano (Congresso Intern. Dostoevskij, Università di Siena 1989); Il Percorso: sulla via dell’ esoterismo (Teatro Orologio-Progetto Settimo Tempo, Roma 1985) ; Le notti bianche da Dostoevskij (Rassegna “La strage degli innocenti” diretta da Leo de Berardinis 1982); Candido da Voltaire (Estate Romana,Villa Borghese 1980) ; Medea dal mito e da Euripide (Teatro Politecnico, Roma 1979) ; Benvenuto Signor Walk! (Sala Mandala, Roma 1978)
 

4) PREMI Per i  suoi testi teatrali ha ottenuto i seguenti premi e riconoscimenti:

-Finalista Premio Belli Corti 2017 -Premio Spoleto Festival Art 2014
– Targa Siad  “Claudia Poggiani” 2009 – Premio Les enfants terribles 2009
– Premio Fersen 2009 – Premio Lago Gerundo-Paullo 2007
– Segnalazione Premio Calcante 2003 
  – Finalista Premio Inner Wheel 2002
– Premio Nazionale Vignoli 2000
– Segnalazione Premio Flaiano 2000
– Premio Anticoli Corrado-Ragazzi della Biblioteca 1984

La sua attività viene menzionata negli annuari : Patalogo Ubu Libri 2011 e precedenti; Il segno indelebile, Editori Laterza 2000; Annuario Siae 2000 e precedenti; Annuario degli Autori Italiani, Editori Laterza 2000 presentazione Ettore Zocaro Storia del Teatro Italiano del ‘900 di G. Antonucci, Edizioni Studium .

I suoi lavori sono stati recensiti e/o presentati  da : Filippo La Porta, Neria De Giovanni, Angelo Pizzuto, Giovanni Antonucci, Daniele Orlandi, Elena Siri, Alma Daddario, Anna Manna, Emilia Costantini, Mario Ruotolo, Mario Lunetta, Aggeo Savioli, Lidia Menapace, Rita Sala, Ugo Ronfani, Franca Angelini, Rocco Familiari, Walter Pedullà, Marco Palladini, Gianna Gelmetti, Marco Onofrio, Massimo Giannotta, Maricla Boggio, Rodolfo di Giammarco, Ettore Zocaro, Giorgio Prosperi, Dante Cappelletti, Tommaso Chiaretti, e sulle riviste Ridotto, Hystrio, Prima Fila, Sipario, Inscena, Le reti di Dedalus, La città e le stelle. 
– I suoi testi e i suoi spettacoli sono stati realizzati con il sostegno e il contributo di:  Ministero dei Beni Culturali, Regione Lazio, Imaie, Conservatorio di Frosinone, Comune di Roma, Provincia di Roma e di Milano, Biblioteche di Roma.

                                                              ALTRE ATTIVITA’
– Ha fatto parte della Commissione tecnica di teatro presso l’ENAP promovendo la pubblicazione de
 Il segno Indelebile di AA.VV. (Laterza/Enap 2000); ha diretto la collana teatrale delle edizioni Il ramo d’oro di Firenze pubblicando Fragile Novecento di AA.VV. ; ha curato il volume Donne di Milano per Editoria & Spettacolo 2005; fa parte della giuria del premio di scrittura “ Il treno” a Benabbio; ha condotto corsi di regia, di recitazione e incontri sul teatro di Shakespeare; ha pubblicato articoli di presentazione di libri e spettacoli su “ Inscena-online”; “il Dramma”; “Ridotto”; “Sipario”; “Le Reti di Dedalus-online”.